Eventi

in programmazione
passati
sab 02/12/17 - dalle ore 9.30 alle 13.30
Jung e l’Etnoclinica
Docenti: Roberto Maisto, Giulia Valerio

Paralleli e confronti tra la psicologia analitica di C.G.Jung e le coordinate etnocliniche.

Ai partecipanti esterni viene richiesta una quota di di € 80,00 (€ 60,00 per i soci

sab 02/12/17 - alle ore 17.00
“Venere in pelliccia” di Roman Polanski

Il primo incontro è dedicato al film “Venere in pelliccia” (2013) di Roman Polanski, che racconta le vicende di Thomas, regista teatrale alla ricerca di un’attrice che possa impersonare il ruolo di Vanda.

Dopo una giornata di audizioni, si presenta un’ultima donna, che il caso vuole che porti lo stesso nome del personaggio ma che sembra inadatta al ruolo, tanto appare spiantata e con poca cultura.

La donna riesce tuttavia a convincerlo all’audizione e Thomas viene gradualmente attratto dalla trasformazione a cui assiste, al punto di rendersi conto che nessun’altra può aderire come lei al personaggio. Ha così inizio un sottile e ambiguo gioco a due, un legame che li porterà a confondersi con i personaggi.

La proiezione del film sarà preceduta da una presentazione, a cura di Giovanni Aricò e Andrea Graglia, in cui si proporrà un’interpretazione psicologica junghiana, provando a tracciare un parallelismo tra le fasi della relazione tra i due protagonisti e le immagini del Rosarium Philosophorum utilizzate da Jung per descrivere il transfert. Dopo la proiezione, sarà dedicato un ampio spazio alla conversazione aperta a tutto il pubblico.

A cura di Giovanni Aricò e Andrea Graglia.

La partecipazione è gratuita.

ven 12/01/18 - dalle ore 17.30 alle 19.30
Incertezza e fallimento.
Docenti: Michele Oldani

Se l’incertezza rappresenta una sospensione della fantasia di controllo sui percorsi di vita, il fallimento ne produce il tracollo, aprendo le porte al disorientamento ed alla perdita. L’incertezza propone il dubbio mentre il fallimento svela la precarietà.

Al soggetto destabilizzato non rimangono che due strade da percorrere: il tentativo di ricostruzione artificiale di una sicurezza scomparsa o la ricerca di nuove fonti di scelta e di senso. Il problema si pone quotidianamente nella vita di ogni individuo e si riversa, con le dovute amplificazioni, nel colloquio psicologico che si presenta come luogo deputato a sostenerne il peso e a rivelarne le potenzialità.

Incertezza e fallimento rappresentano stati emotivi differenti e sollecitano differenti potenzialità psicologiche: il corso si propone di approfondire entrambi gli aspetti dal punto di vista teorico.

 

Ai partecipanti esterni viene richiesta una quota di € 40,00 (€ 30,00 per i soci) ad ogni incontro.

sab 13/01/18 - alle ore 16.30
Incontro: Psicopatologia, diagnosi e livelli di coscienza.
Docenti: Marco Canciani

Il seminario propone un’introduzione alla psicologia analitica intersoggettiva, evoluzione del pensiero junghiano sviluppata da Silvia Montefoschi e da Paolo Cozzaglio.

In particolare verranno proposti: il concetto di Soggetto intersoggettivo e di funzione riflessiva come cardini per comprendere il funzionamento psichico del Soggetto; la distinzione teorica e clinica tra Io e Soggetto; un’articolazione dei diversi livelli di coscienza in gioco nella psicopatologia e nella terapia; una riflessione sulla diagnosi clinica come processo conoscitivo indispensabile per comprendere il Soggetto/paziente e tener conto delle sue peculiarità nell’impostazione della relazione terapeutica; esemplificazioni attraverso casi clinici.

La partecipazione è gratuita

sab 20/01/18 - dalle ore 10.30 alle 17.30
Introduzione alla Sandplay Therapy.
Docenti: Michele Oldani

Primo incontro del corso 2018/19 (primo anno) sulla Sandplay Therapy. Il corso ha durata biennale e si svolge in forma seminariale e partecipata.

Il Circolo di via Podgora e la scuola di specializzazione in psicoterapia Li.S.T.A. di Milano propongono un corso propedeutico alla Sandplay Therapy, in cui verranno illustrate, approfondite e discusse alcune potenzialità di questo metodo, inaugurata da Dora Kalff a Zurigo, allieva di C. G. Jung e del maestro zen Suzuki, studiandone le potenzialità individuative, cliniche ed etnocliniche. Accanto a momenti più teorici vi saranno laboratori esperienziali, grazie allo studio attrezzato per la Sandplay presente nella sede della scuola.

 

La partecipazione alla singola giornata richiede un contributo di € 120,00.

ven 26/01/18 - dalle ore 15.00 alle 19.30
Il sogno del prigioniero.
Docenti: Augusto Romano

Libera conversazione con l’autore. Il miglior attestato di quanto sia vitale la psicologia del profondo junghiana è la sua generatività, nel pensiero come nella pratica terapeutica. Dall’apertura di credito nei confronti dell’inconscio, dalla rinuncia alle pretese egemoniche dell’Io sulla psiche e dal ridimensionamento del valore di verità delle dottrine scaturisce l’incessante drammaturgia in cui, ogni volta, si declina la radicale fenomenicità dell’analisi.

La popolano – con la concretezza di esseri viventi – sogni, figure archetipiche, immagini, simboli. Nell’impervio paesaggio della loro feconda discordia e della loro segreta solidarietà s’inoltra Augusto Romano, esplorando via via la terra di mezzo tra teoria ed esperienza clinica. Si consiglia la lettura preventiva del libro.

Ai partecipanti esterni viene richiesta una quota di € 80,00 (€ 60,00 per i soci)

sab 27/01/18 - dalle ore 9.30 alle 13.30
Testimonianza di un africanista.
Docenti: Alessandro Triulzi

Dall’Orientale di Napoli all’Archivio delle Memorie Migranti.

Ai partecipanti esterni viene richiesta una quota di € 80,00 (€ 60,00 per i soci)

sab 27/01/18 - alle ore 16.30
Jung e Rorschach. Laboratorio di Ricerca.
Docenti: Ilaria Datta, Yann Ballestra

“Le macchie del  Rorschach stimolano la formazione dei simboli e ci danno la possibilità di renderli consci”, R. S. McCully.

Il gruppo si propone di studiare le tavole concentrandosi sui simboli di carattere collettivo e universale che possono emergere alla coscienza. Obiettivo della ricerca è valutare la possibilità di utilizzare le tavole di Rorschach come materiale stimolo per sollecitare l’emersione di immagini archetipiche in un contesto terapeutico junghiano.

La partecipazione è gratuita. Si richiede ai partecipanti di comunicare la loro adesione al laboratorio in segreteria.

21 novembre 2017 © Scuola LI.S.T.A. Circolo di via Podgora | Via Illirico 18 20133 MILANO +39 02 39834097 | +39 345 8564612 | P.I. 03688930969