Archivio Didattico

I contenuti delle psicosi (I-IV anno)
PSICOPATOLOGIA E DIAGNOSTICA CLINICADocenti: Giuseppe Lombardi

I contenuti delle psicosi: da Kraepelin ad Arieti. Si porrà particolare attenzione al modello di lettura delle psicosi di C.G. Jung come esposto nel testo Psicogenesi della malattia mentale.

Dopo una lezione introduttiva, il lavoro proseguirà trattando empiricamente il materiale fornito dai partecipanti.

[6 MODULI]

Le problematiche del bambino con difficoltà di apprendimento (I-IV anno)
PSICOLOGIA DELL'ETÀ EVOLUTIVADocenti: Magda Di Renzo

L’attuale “epidemia” di Disturbi Specifici di Apprendimento impone una riflessione di più ampio respiro che tenga in considerazione anche lo sviluppo emotivo del bambino (attualmente sottaciuto nei codici diagnostici).

La richiesta sempre più precoce di prestazioni non consente al bambino un adeguato sviluppo emotivo e di quelle funzioni che costituiscono la base dei processi di letto-scrittura. Sempre di più, quindi, si verifica uno scollamento tra dimensione affettiva e cognitiva che crea ripercussioni negative in entrambi i campi e nella formazione della personalità.

Verranno presentate le traiettorie evolutive e le aree critiche dei bambini che “faticano” ad apprendere (differenziandole da quelle riscontrabili in un disturbo) con l’apporto di dati emersi in ambito clinico e nella ricerca. La “tipologia” del bambino con difficoltà di apprendimento va distinta dalla patologia per poter leggere il sintomo anche come espressione di potenzialità.

[3 MODULI]

Le nuove compagini famigliari (I-IV)
PSICOLOGIA DELL'ETÀ EVOLUTIVADocenti: Magda Di Renzo

Negli ultimi anni è avvenuto uno sconvolgimento nell’assetto familiare che non ha precedenti nella storia dell’umanità.

La specificità di questo sconvolgimento è costituita dal superamento dei limiti naturali ad opera della tecnologia e ciò ha messo in discussione persino l’archetipo delle origini.

Le genitorialità attuali (surrogata, biologica, legale, sociale, di donazione di sperma o ovuli) si collocano tutte in un vuoto di pensiero e simbolizzazione che crea molta confusione nel collettivo, spesso disagio nei singoli partecipanti e nuove difficoltà nei terapeuti.

Tutti questi nuovi scenari, infatti, che non possono essere spiegati dalle teorie che hanno dato significato e senso ai diversi disagi familiari, richiedono al terapeuta una profonda riflessione e una nuova etica. Le narrazioni di storie cliniche consentiranno di mettere in luce le problematiche inerenti, le diverse situazioni favorendo una riflessione analitica e un confronto tra i partecipanti.

[3 MODULI]

Il corpo che danza: rito e simbolo (III-IV anno)
TEORIE E MODELLI DELL’INTERVENTO TERAPEUTICODocenti: Maria Angela Meraviglia

Nel laboratorio si sperimenterà la dimensione antropologica della danza: Il Rituale. In esso i partecipanti possono trovare ancor oggi uno spazio ed un tempo condiviso di ascolto e partecipazione a riti e miti che precedono e affiancano la storia di ogni uomo, riscoprendone l’insospettata attualità e validità. Le danze con le loro coreografie tracciano simboli che narrano storie antiche e contemporanee che, nell’essere agite, consentono ai partecipanti di dialogare con i passaggi fisiologici e psicologici che costellano la vita di ciascun individuo.

[3 MODULI]

Jung e l’etnoclinica (I-IV anno)
TEORIE E MODELLI DELL’INTERVENTO TERAPEUTICODocenti: Roberto Maisto, Giulia Valerio

Paralleli e confronti tra la psicologia analitica di C.G. Jung e le coordinate etnocliniche.

[2 MODULI]

Le divinazioni (I-IV anno)
TEORIE E MODELLI DELL’INTERVENTO TERAPEUTICODocenti: Roberto Maisto, Giulia Valerio

Una riflessione sulle tecniche divinatorie: M.- L. von Franz, J. Servier e le terapie tradizionali.

[2 MODULI]

Somiglianze e differenze (I-IV anno)
ETNOPSICOTERAPIADocenti: Francesco Remotti

Riflessioni intrecciate sul soggetto come nodo di somiglianze e differenze, e possibili implicazioni sul piano psicoterapeutico.

[3 MODULI]

Testimonianza di un africanista (I-IV anno)
Docenti: Alessandro Triulzi

Dall’Orientale di Napoli all’Archivio delle Memorie Migranti.

[2 MODULI]

Il Puer Aeternus (I-IV anno)
ANTROPOLOGIA E SIMBOLICA DELLE RELIGIONI E DEL MITODocenti: Daniele Ribola

Il Puer Aeternus è una figura archetipica di notevole complessità, importante sia sul piano individuale sia su quello collettivo. È spesso all’origine di cambiamenti e rivoluzioni, portando con sé luminosi rinnovamenti e anche ombre distruttive. Il corso intende cercare la presenza di questo piccolo grande demone dentro e fuori di noi e immaginare di stabilire con esso una possibile convivenza.

[5 MODULI]

Incertezza e fallimento – Casi clinici
PSICOANALISI SOCIALEDocenti: Michele Oldani

Se l’incertezza rappresenta una sospensione della fantasia di controllo sui percorsi di vita, il fallimento ne produce il tracollo aprendo le porte al disorientamento ed alla perdita.

L’incertezza propone il dubbio mentre il fallimento svela la precarietà. Al soggetto destabilizzato non rimangono che due strade da percorrere: il tentativo di ricostruzione artificiale di una sicurezza scomparsa o la ricerca di nuove fonti di scelta e di senso.

Il problema si pone quotidianamente nella vita di ogni individuo e si riversa, con le dovute amplificazioni, nel colloquio psicologico che si presenta come luogo deputato a sostenerne il peso e a rivelarne le potenzialità. Incertezza e fallimento rappresentano stati emotivi differenti e sollecitano differenti potenzialità psicologiche: il corso si propone di approfondire entrambi gli aspetti dal punto di vista clinico con esempi tratti dalla prassi terapeutica.

[4 MODULI]

14 Novembre 2019 © Scuola LI.S.T.A. Circolo di via Podgora | Via Illirico 18 20133 MILANO +39 02 39834097 | +39 345 8564612 | P.I. 03688930969